Bella partita, bella partita davvero.

Bella partita, bella partita davvero. La partita che in gergo calcistico verrebbe da dire tatticamente perfetta, con le due squadre che si sono annullate a vicenda.

La differenza la fanno gli episodi, si sa il calcio è anche questo. Un piccolo appunto però va fatto, in tanti anni non ho mai visto una squadra come la Juventus, avere timore reverenziale per l'avversario, una squadra quella bianconera che da anni a questa parte, macinava e imponeva il proprio gioco contro tutti e tutto, in casa e fuori casa, una schiacciasassi che non aveva rivali all'altezza.

Basta guardare la partita dello scorso anno tra Juventus e Roma a Torino, una Juventus che andò in campo con l'intento di vincere e stravincere la partita.

Questa sera invece qualcosa è cambiato, ho visto una Juventus che in casa, ha pensato prevalentemente a non prenderle, una Juve che si è difesa con ordine con due linee strettissime e con spesso gli attaccanti, dietro la linea della palla, nella propria metà campo cercando di ripartire e pungere in contropiede. La verità è che questo Napoli è temuto, è andato a Torino e mantenendo il proprio assetto, il proprio modo di stare in campo, ha tenuto testa alla Juventus per tutta la partita.

Gli episodi però fanno parte del calcio e può capitare che dopo una partita intera passata nella propria metà campo, all'88minuto un tiro sporco viene deviato e ti fa vincere la partita. Può sembrare una sciocchezza, ma il modo in cui stasera la Juve ha interpretato la partita dice molto, dice che la Juventus ha timore del Napoli e forse ha capito che la squadra partenopea sarà li fino alla fine a giocarsela alla pari.

Bella partita davvero, la partita non stilisticamente eccezionale, ma tatticamente perfetta.